Archive for gennaio, 2011

SS. Annunziata: rinata la «Madonna del Sacco»

Il loro modo di esprimersi, così come il tono della voce, sono di chi è abituato a lavorare nei luoghi sacri, dove il silenzio è la più alta forma di rispetto. Alessandra Popple e Cristiana Conti sono due restauratrici del Sar, un gruppo ben affiatato che da anni si prende cura di autentici capolavori. Stavolta è toccato all’associazione no profit «Friends of Florence», presieduta da Simonetta Brandolini d’Adda, scegliere le due restauratrici per affidare loro una pittura murale, datata, nella prima lunetta del Chiostro dei Morti della Santissima Annunziata. (continua…)

Musica d’estate 2011: il «Summer» è già OK. «Italia Wave» va a Bari?

I primi quattro nomi degli artisti che caratterizzeranno l’edizione 2011 del «Summer Festival» di Lucca, da soli basterebbero a definirla «d’alto profilo». I primi nomi diffusi dall’agenzia D’Alessandro e Galli di Viareggio sono di sicuro appeal. Per esempio, sabato 9 luglio, in piazza Napoleone (inizio ore 21.30, ingresso 36 euro più diritti di prevendita) saranno on stage gli Arcade Fire, l’ottima band canadese di indie rock che spopolano da diverso tempo. (continua…)

Nuovi Uffizi: comunicazione da… restaurare

Eppure ci voleva così poco. Un fax o una mail con un invito a una conferenza stampa, et voilà… i fiorentini sarebbero stati più rispettati. Invece si continua a prenderli in giro, a non informarli correttamente e, soprattutto, senza puntualità e completezza. L’ultima conferenza stampa – occasione in cui i giornalisti hanno la possibilità di fare il loro mestiere davvero – sui nuovi Uffizi risale al giugno 2007. Oltre3 anni e mezzo fa. Da allora ne sono accadute di cose ma nessuno si è preoccupato di comunicarle alla città. (continua…)

Il Governo reintegrerà il «Fus» Oltre 6 milioni in più al Maggio

Al solito, la sua parte il Governo la fa e «regalerà» al Maggio Musicale altri 6 milioni di euro. Davanti alle commissioni cultura del Parlamento, ieri il sottosegretario ai beni e le attività culturali, Francesco Giro, ha annunciato la volontà del Governo di presentare un emendamento alla legge milleproroghe che prevede il reintegro del Fondo uno dello spettacolo (Fus) 2011, che era stato fissato a 258.610.000. (continua…)

Grandi famiglie, sponsor non mecenati

Ieri abbiamo messo in luce il diffuso disinteresse delle famiglie altolocate fiorentine per il nostro patrimonio culturale. Proseguiamo oggi il nostro viaggio in questa materia stigmatizzando le poche risorse lasciate dai suddetti in città e quali sono gli indirizzi dove sarebbe più urgente si presentassero per offrire il loro aiuto. (continua…)

Bronzino? Un successo. Ma gli «inganni» di più

Con le parole si può dire tutto e il contrario di tutto. Con i numeri no: con quelli i giochi di prestigio verbali non funzionano. E allora la mostra «Bronzino. Pittore e poeta alla corte dei Medici» che si è appena conclusa a Palazzo Strozzi, è stata un successo – i numeri lo dicono chiaramente – ma non è la mostra migliore delle otto organizzate della «Fondazione Palazzo Strozzi». (continua…)

Roma dice grazie a Della Valle

Alla notizia che Diego Della Valle pagherà il restauro del Colosseo, per la (poco) modica somma di 25 milioni di euro, a Firenze qualcuno ha mugugnato. «Non gli fanno fare la Citta della viola – hanno detto i più – e allora ha deciso di spendere quei soldi altrove, lontano da Firenze». Un messaggio che è uno schiaffo in pieno volto a Renzi, che con Della Valle non ha mai avuto dialogo. (continua…)

Biblioteca Nazionale: interventi-lumaca, scarsi controlli, incuria

Sono mesi, se non addirittura anni, che si scrive dei guai della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze. E i direttori fanno sempre a gara a dar la colpa, di questi guai, a coloro che dovrebbero stanziare risorse ma non lo fanno. Oppure solo parzialmente. Invece capita che le cose stiano in maniera un po’ diversa e che, in presenza delle risorse necessarie, taluni interventi vadano per le lunghe. Troppo! (continua…)

Il Parco della musica prende forma. A fine marzo sventolerà il tricolore

Il dialetto più parlato è quello campano. Ma c’è anche chi si esprime con idiomi stranieri. Dei Balcani in particolare. Sono i quasi trecento operai (in larga parte carpentieri) cui si deve la rapida crescita – è proprio il caso di dire – degli edifici costituenti il nuovo Parco della musica e della cultura delle Cascine. (continua…)

Il bando e gli 88 milioni che mancano

Venezia non è Firenze. A non accorgersene, ancora, è il commissario delegato per la realizzazione del nuovo Parco della musica e della cultura, Elisabetta Fabbri. Quando si trattò di ricollocare il sipario alla Fenice, questa lo ottenne grazie a una sponsorizzazione della stilista Laura Biagiotti. (continua…)