Categoria: Intervista di cultura

Interviste su Toscana TV

Di recente sono stato ospite degli studi di Toscana TV per due interviste nell’ambito del programma dal titolo Toscana sera.  A questo link l’intervista che la collega Teresa Rabotti mi ha fatto lo scorso 30 ottobre 2012. A questo link il video della seconda intervista andata in onda lo scorso 6 novembre 2012.   (continua…)

«Più controlli per i monumenti del centro»

Scampato il pericolo, la Colonna dell’Abbondanza entra di diritto nella lista «nera» dei tanti monumenti che necessitano attenzioni particolari e restauri. Come si ricorda, tre giorni dal capitello che sorregge la statua della Dovizia si è staccata una porzione di materiale lapideo pesante alcune decine di chili, rovinando sugli scalini che stanno alla base della colonna e che sono normalmente occupati da turisti e fiorentini. (continua…)

Cini: «Una volta c’erano più controlli preventivi sui beni»

Fino a poco più di un anno fa l’architetto Giuseppe Cini ha diretto il servizio Belle Arti di Palazzo Vecchio. Una struttura storica nell’organigramma del Comune di Firenze, che nel 2008 ha celebrato i 100 anni di vita. Di sua responsabilità sono le chiese, i ponti, le porte, i tabernacoli, le colonne, le statue del Comune di Firenze; fino all’estate 2009 il servizio dipendeva dall’assessorato alla Cultura del Comune, mentre con l’avvento di Renzi questa struttura è stata inserita in quella dei servizi tecnici (o lavori pubblici che dir si voglia) accorpando quindi chi si occupava del restauro degli affreschi del Poccetti a coloro che avevano competenza nella sostituzione di grondaie e nel rifacimento dei marciapiedi. Con tutto quel che ne consegue. (continua…)

Cecchi: «Filippino era capriccio, inventiva, fantasia e sensibilità»

Una mostra per capire chi era Filippino Lippi. Prima come uomo e poi come artista. Quindi documenti (c’è anche la Denuncia anonima, in data 8 maggio 1461, circa la nascita illegittima di Filippino dalla relazione tra Fra Filippo con la monaca Lucrezia Buti proveniente dall’Archivio di Stato di Firenze), disegni (da non perdere il Cristo in pietà fra quattro Angeli, dal Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi) e tanti dipinti, dall’emozionante Pala Nerli (che è un po’ l’emblema della mostra) appena restaurata da Anna Monti all’altrettanto suggestiva Apparizione della Vergine a San Bernardo (proveniente dalla Badia di Firenze), dal Tondo Corsini prestato dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze alla Madonna Strozzi che arriva dal Metropolitan di New York. (continua…)

«Dobbiamo chiederci perché il Maggio è in deficit dal 1999»,

Per il Maggio Musicale Fiorentino è iniziata la «cura dimagrante ». La sovrintendente «dietologa », Francesca Colombo, sa di dover recuperare 5 milioni di euro entro la fine di settembre, ma è cosciente che l’impresa è ardua. (continua…)

Merlini: «O cresce la produttività o il Maggio è destinato al Requiem»

«La sovrintendente Francesca Colombo, e non so perché il Cda le va dietro, sta sbagliando indirizzo e strategia. Se lei pensa di poter andare al pareggio percorrendo la stessa strada di sempre, non solo non raggiungerà mai l’obiettivo, ma il teatro chiuderà».
(continua…)

Sgarbi: «Quel fontanello è brutto, grida vendetta»

È brutto. Lo ha detto Sgarbi e, in serata, se n’è accorto anche il sindaco Renzi dando ragione al nostro giornale. Non accennano a placarsi le polemiche intorno al fontanello nero per l’acqua, collocato alle spalle del Biancone, a ridosso di Palazzo Vecchio, in piazza Signoria. La struttura costa circa 29 mila euro e per la sua manutenzione e quelle di almeno altre tre identiche strutture collocate in varie parti (periferiche) della città – occorreranno 80 mila euro. (continua…)

«Il nostro isolamento è un privilegio»

Un paradiso. L’unico rumore che si percepisce è il cinguettio dei passerotti. È qui che sorge Villa I Tatti, una splendida magione abitata, fino al 1959 (anno della sua scomparsa) da Bernard Berendson, storico dell’arte americano (ma le sue origini erano lituane) che si innamorò dell’Italia e in particolare di Firenze. Fu per sua volontà che la villa immersa negli ulivi delle colline di Settignano venne ereditata dall’Università di Harvard (dove lo stesso Berendson si era laureato) affinché ne facesse un centro dedicato allo studio del Rinascimento italiano. (continua…)

Piano strutturale: gli «altolà» della Marino

«Realizzare un parcheggio «in piazza D’Azeglio? Ho parecchie perplessità perché la ritengo inadatta». A dirlo è la soprintendente per i beni architettonici di Firenze, Alessandra Marino. Finché non si vanno a toccare opere ed aree soggetti a vincolo, il suo parere non è vincolante. Ma nessun amministratore può far finta di niente se un soprintendente fa dei rilievi, delle osservazioni a un piano. (continua…)

Giani: «S. M. Novella, un’emergenza»

Nardella, l’abbiamo più volte definito «uno dei 5 assessori alla cultura di Firenze». Eugenio Giani, disponibile a lasciare la presidenza del Consiglio Comunale in seguito all’incarico di consigliere regionale, ha accettato di rispondere alle nostre domande sulla cultura a Firenze. (continua…)